Birrificio Artigianale La Tresca | Birrificio Artigianale La Tresca Suno Novara | Una storia...un rito!

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per offrirti il miglior servizio possibile. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ai cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina, acconsenti all’uso dei cookie.

x

Una storia...un rito!

La birra artigianale è la birra prodotta con metodo tradizionale, non pastorizzata e non filtrata. Prodotta senza stratagemmi industriali!

Niente di più sano e naturale della birra artigianale prodotta dal nostro birrificio in cui il territorio e l'acqua hanno un' importanza fondamentale. La nostra produzione controlla ed interviene su tutta la filiera, dalla macinazione dei malti all'imbottigliamento e all'infustamento con i metodi tecnologici più avanzati.

La nostra birra ha caratteristiche di gusto e aroma non commerciali, più marcate e di grande personalità diversamente dalle birre industriali che tendono ad uniformarsi a gusti standard, senza particolare attenzione alle caratteristiche organolettiche. 

Cerchiamo di trasmettere tutta la nostra passione creativa, il nostro estro e stile nella qualità della birra che produciamo.

Pozzo per la realizzazione di Birra

L‘impiego delle acque estratte per uso alimentare/potabile, motivo per cui la captazione in oggetto preleverà dalla falda profonda, più protetta di quella superficiale; quest‘ultima è presente nei primi 30-35 m mentre il pozzo di progetto sfrutterà un acquifero presente a 90 m di profondità. I due acquiferi non sono in comunicazione tra loro.

Il lotto ove è prevista la realizzazione del pozzo di progetto è classificato urbanisticamente nel P.R.G.C. vigente come “Aree per insediamenti artigianali esistenti e confermate” e classificato in Classe IIa di Pericolosità Geomorfologica e dell‘idoneità all‘utilizzazione urbanistica “Porzioni di territorio” dove esiste una sola condizione di pericolosità geomorfologica o idrogeologica, moderata e superabile con l‘adozione ed il rispetto di accorgimenti a livello del singolo lotto o della singola area omogenea.

Di seguito l'estratto P.R.G.C. Variante generale al Piano Regolatore Comunale – Tavola n 3P Azzonamento scala 1:2.000

Estratto P.R.G.C. Tavola n 08A “Carta della pericolosità geomorfologica e dell‘idoneità all‘utilizzazione urbanistica” scala 1:5.000

CONCLUSIONI

L‘analisi dei dati reperiti e l‘elaborazione degli stessi hanno permesso di ricostruire la situazione geoidrologica del Comune di Suno (NO). Nell‘area di intervento sono presenti due acquiferi:

  1. acquifero superficiale freatico:
    questo acquifero è sfruttato da numerosi pozzi superficiali che hanno profondità medie generalmente inferiori a 10 m; le portate estratte sono limitate ed i livelli statici si attestano entro i primi 3 metri di profondità . Come indicato nella stratigrafia del pozzo idropotabile comunale di Suno, fino alla profondità di circa 34 m dal p.c. sono presenti livelli ghiaiosi e sabbiosi con intercalazioni di argille gialle. L‘orizzonte argilloso presente a circa -35 m di profondità costituisce la base dell‘acquifero superficiale.
  2. acquifero profondo confinato:
    l‘acquifero profondo che si intende sfruttare è presente al di sotto di uno strato di argilla gialla presente dalla profondità di -56 m a -60 m dal p.c. Esso risulta caratterizzato dalla presenza di più livelli acquiferi, isolati tra loro tramite setti impermeabili e può essere considerato come un acquifero multifalda confinato. L‘acquifero superficiale e quello profondo non sono in comunicazione e il pozzo di progetto prevede l‘isolamento del perforo mediante cementazione, argilla di cava e compactonite. A circa 700 m di distanza dal pozzo di progetto verso Nord Est è presente il pozzo idropotabile di Suno; esso è ubicato a monte della captazione di progetto ed in posizione laterale rispetto la direzione di flusso della falda, senza alcuna possibilità di interferenza fra i due. L‘acquifero profondo confinato che si prevede di sfruttare è caratterizzato da vulnerabilità trascurabile; le acque estratte potranno essere impiegate nel ciclo di produzione della birra previsto, previe specifiche analisi chimiche di laboratorio.